Banner Top

La Delegazione di Teramo del Fai – Fondo Ambiente Italiano, organizza quest’anno le Giornate Fai di Primavera a Pineto, sabato 23 e domenica 24 marzo.

Le Giornate Fai di Primavera, curate dalla delegazione del Fondo Ambiente Italiano di Teramo, si svolgono sabato 23 e domenica 24 marzo alla scoperta dei tesori artistici e paesaggistici di Pineto. Il Fai – Fondo Ambiente Italiano invita a partecipare alle Giornate per guardare l’Italia come non abbiamo mai fatto prima e costruire un ideale ponte tra culture che ci farà viaggiare in tutto il mondo.

 

Giunta alla 27esima edizione, la manifestazione nazionale si è trasformata in festa itinerante per un pubblico vastissimo che attende ogni anno di partecipare a questa straordinaria cerimonia collettiva, che dal 1993 ha appassionato quasi 11 milioni di visitatori.

Anno dopo anno le Giornate Fai di Primavera superano se stesse: questa edizione vedrà protagonisti 1.100 luoghi aperti in 430 località in tutte le regioni, grazie alla spinta organizzativa dei 325 gruppi di delegati sparsi in tutte le regioni – delegazioni regionali, provinciali, e Gruppi Giovani – e grazie ai 40mila Apprendisti Ciceroni.

Centinaia di siti e migliaia di persone che l’anima del Fai accende, prendendo per mano tutti e accompagnando gli italiani a specchiarsi nella stupefacente varietà del Paese più bello, aprendo luoghi spesso inaccessibili ed eccezionalmente visitabili in questo weekend, durante il quale è possibile sostenere la Fondazione con un contributo facoltativo o con iscrizione.

 

Per l’edizione 2019 Fai Teramo ha deciso di proseguire nella direzione di promuovere i borghi dei quali la nostra regione e la provincia teramana sono particolarmente ricche. La scelta è caduta su Pineto, coi suoi tanti tesori artistici, storici e naturali: parchi, pinete, Area marina protetta, il borgo antico di Mutignano, le ville storiche e tanti altri luoghi da scoprire o riscoprire.

 

I beni culturali sono anche occasione di incontro tra generazioni e riscoperta dell’impegno civile. Proprio in questa direzione va una novità significativa dell’edizione 2019: il gemellaggio con il progetto “Fai ponte tra culture, che utilizza il patrimonio culturale come strumento sociale e civile per rafforzare il dialogo tra chi è nato in Italia e chi ci è arrivato da poco, con la volontà di condividerne doveri e diritti.

Pineto è un esempio di integrazione rispetto a emigrazioni antiche e recenti che non solo hanno lasciato tracce nei monumenti ma continuano a essere presenti e attive.

 

Tanti i siti visitabili a Pineto, tra cui il geosito “il Cenerone”, Villa Filiani, Museo etno-musicologico, Parco Filiani, hotel Garden, Casa Museo M. Dell’Agata, Torre di Cerrano  – Area marina protetta. Ingresso riservato agli iscritti Fai, con possibilità di iscrizione in loco per l’esclusiva Villa Caccianini – Maturanzi.

 

Le visite Fai coinvolgeranno anche l’antico borgo di Mutignano, passando per la chiesa San Silvestro, l’auditorium Sant’Antonio, il Parco Castellaro e gli eventi di “Mutignano in fiore”, con navetta gratuita per Mutignano.

 

Guide esperte e i giovani “Apprendisti Ciceroni” dell’Istituto comprensivo pinetese guideranno i visitatori.

 

Numerose le associazioni e realtà locali che hanno collaborato alla riuscita dell’iniziativa. Tra esse, Istituto comprensivo Giovanni XXIII, Università degli Studi di Chieti, Laboratorio Vulcanologia, Amp Torre del Cerrano, Guide del Cerrano, Museo etno-musicologico d’Abruzzo, Le Vie dell’Arte, Associazione commercianti e artigiani Pineto, Adventure Park, Pineto Cammina, Pros Pineto.

 

Le giornate sono state curate per il Comune di Pineto in particolare dal presidente del consiglio, Ernesto Iezzi, e dall’assessora Daniela Mariani per l’aspetto legato agli Apprendisti Ciceroni.

 

L’accesso ai siti è consentito con contributo libero da 2 a 5 euro.

Il 23 e 24 marzo a Pineto gli orari delle visite saranno i seguenti: 10-13 e 15-18.

 

L’iniziativa è stata presentata dal capo delegato Fai Teramo Giovanna Marinelli, dal sindaco di Pineto Robert Verrocchio, il presidente del consiglio comunale Iezzi e il Gruppo Fai Giovani Teramo, oltre ad alcuni rappresentanti delle associazioni coinvolte, come le Guide del Cerrano.

 

 

Banner Content

Articoli correlati

Nessun articolo correlato

spinosi,artruvarte,banner pubblicitario

Scrivilo Tu

scrivi articolo

Archivi

spinosi,artruvarte,banner pubblicitario